Al Jazeera scopre Gorreto «Borgo simbolo d'italia»
Il Secolo XIX



Uno "speciale" televisivo sull'archeologia rurale italiana, su un simbolo di tutti quei piccoli borghi che in passato scrissero almeno qualche riga di storia ma che ora sono quasi del tutto abbandonati. Tutto questo si propone di fare l'emittente del Qatar Al Jazeera, che domani spedisce un suo inviato a Gorreto, borgo di 123 anime sulla confluenza del fiume Trebbia con il torrente Dorbena, al confine tra la provincia di Piacenza e quella di Genova, terra ricca di suggestivi paesaggi e di malinconiche vestigia di un passato se non sontuoso quanto meno agiato, e sempre più povera di abitanti, servizi, futuro. A fare da cicerone nella scoperta del borgo all'inviato Alessandro Speciale (vaticanista di Acsa e free lance per Al Jazeera England in Italia) sarà il sindaco Sergio Capelli, ben lieto dell'insolito ruolo a poco più di un mese dalla sua elezione. «Lo speciale di Al Jazeera andrà in onda in tutta Europa, e più avanti forse anche nei paesi arabi - dice -. È una bellissima occasione per Gorreto, anche se so che i disfattisti vi leggeranno una parabola della decadenza del paese. Racconterò la storia del Castello Malaspina, dove una zecca coniava monete per tutta l'Europa, del principesco palazzo Doria di Fontanarossa e degli antichi e pittoreschi mulini ormai diroccati. Cercherò di spiegare come questo borgo sia passato, nei secoli, dalla nobiltà alla decadenza».

 

Associazione Pro Loco Gorreto - Via Capoluogo, 16020 GORRETO   GE

 - Copyright © Pro Loco Gorreto 2006 -